I cioccolatini portafortuna dei giocatori d'azzardo

In questo articolo su Casinoz continuiamo a esplorare il fenomeno dei talismani nel gioco d'azzardo.

Valore emotivo e sentimentale dei portafortuna

Se da un lato i portafortuna hanno una funzione cognitiva, come quella di fornire un'illusione di controllo, dall'altro lato rispondono a bisogni emotivi più profondi. Per molti giocatori, questi talismani hanno un profondo valore sentimentale che trascende qualsiasi beneficio pragmatico.

Talismani come ancore emozionali

Nel frenetico mondo del gioco d'azzardo, dove le fortune possono dipendere da una sola carta, il panorama emotivo è volatile quanto le probabilità. L'euforia per un jackpot può precipitare nella disperazione dopo una brutta sconfitta, il tutto in pochi istanti. In mezzo a questa turbolenza psicologica, molti giocatori si rivolgono ai loro portafortuna non solo come aiuti soprannaturali, ma come ancore emotive, punti stabili in un mare di sentimenti fluttuanti.

Lo spiega la dottoressa Emily Chung, psicologa specializzata in comportamenti legati al gioco d'azzardo:

In termini cognitivi, un talismano agisce come un "regolatore di affetti". Non altera i risultati del gioco, ma può modulare le reazioni emotive del giocatore. Consideratelo come un termostato interno, che aiuta a raffreddare l'eccitazione surriscaldata o a riscaldare la delusione agghiacciante.

Collegamento con ricordi o persone positive

Al di là della mera stabilizzazione, i talismani del gioco d'azzardo spesso fungono da portali per i ricordi più cari o per le connessioni con persone amate. Questi oggetti non si limitano a ricordare ai giocatori tempi felici o persone care, ma sembrano rendere queste associazioni positive tangibilmente presenti, infondendo all'ambiente delle scommesse elevate un calore personale.

Negli esclusivi saloni di baccarat di Macao, i legami sentimentali spesso attraversano le generazioni. Il magnate della proprietà Liang Wei dispone sempre tre oggetti prima delle partite ad alta quota: un pennello di giada, un abaco d'argento e un ventaglio di bambù.

Calligrafia, matematica, filosofia: le passioni di mio nonno, mio padre e mia madre. Crescendo, non sopportavo le loro pressioni. Ora, di fronte a decisioni milionarie, tocco ogni oggetto chiedendo: "Cosa mi consiglierebbero?". La loro saggezza guida le mie scommesse e... mi sento perdonato per la mia rabbia giovanile.

A volte la risonanza emotiva è agrodolce. Nei centri di gioco indiani come Foxwoods, alcuni clienti nativi americani usano talismani molto personali. Alcuni conservano un sacchetto di terra proveniente dalle loro terre ancestrali, gran parte della quale è andata perduta nel corso dei secoli.

Casinò di Macao baccarat

Il comfort della familiarità in situazioni di forte stress

Icasinò sono meraviglie di manipolazione sensoriale:luciintermittenti, jingle celebrativi, il chiacchiericcio costante delle macchine. Progettato per eccitare e invogliare, questo ambiente può anche sopraffare, soprattutto quando sono in gioco somme ingenti. In questo caso, i portafortuna offrono un diverso tipo di supporto emotivo: il potere calmante della familiarità in un terreno alieno e ad alto stress.

I neuroscienziati che studiano le risposte allo stress spiegano che gli ambienti nuovi e ad alto rischio innescano l'amigdala, inondando i giocatori di cortisolo e adrenalina. Questo stato di "lotta o fuga" può compromettere il pensiero razionale. Ma gli oggetti associati alla sicurezza e alla routine possono attivare la corteccia prefrontale, favorendo risposte più calme e analitiche.

Nel regno digitale, dove l'anonimato del poker online elimina le comodità tradizionali, i giocatori ricreano la familiarità attraverso i talismani. Uno studio del 2021 sui giocatori d'azzardo che scommettono ad alte puntate su Internet ha scoperto che molti circondano i loro setup con oggetti che risalgono alle loro prime esperienze nei casinò dal vivo: un tovagliolo del caffè Hard Rock, una chiave della stanza del Bellagio. Un partecipante ha spiegato:

Online non c'è il rumore dell'ambiente, non c'è la consistenza delle fiches... è disorientante. Ma vedendo il mio vecchio posacenere del Luxor, vengo trasportato indietro a quella prima emozionante sessione. È come se il mio personale feltro verde si trovasse in questo vuoto virtuale.

Forse la cosa più toccante è che i talismani forniscono conforto nei momenti più bui del gioco d'azzardo, quandola dipendenza prende piede. Alle riunioni dei Giocatori Anonimi, molti raccontano come certi oggetti li abbiano aiutati a superare l'astinenza. Maria, che si sta riprendendo dalla dipendenza da videopoker, porta sempre con sé il gettone della sala giochi che le ha regalato il suo defunto fratello:

Quando le voglie colpiscono, tutto sembra estraneo, minaccioso. Ma questo gettone... ci giocavamo a Pac-Man. Lo strofino e ricordo che Joey diceva: "I giochi sono divertenti, non rovinano la vita". Quel peso familiare, le sue parole, mi mettono a terra quando il mio mondo gira a vuoto.

In ognuno di questi casi, vediamo come i talismani del gioco d'azzardo trascendano la superstizione, servendo come coltellini svizzeri emotivi. Stabilizzano gli sbalzi d'umore, evocano ricordi cari, incarnano legami amati e offrono il conforto della familiarità in situazioni di forte stress. Questi piccoli oggetti personali diventano un'ancora di salvezza psicologica nel vortice sensoriale del casinò, dove la posta in gioco è alta e gli esiti incerti.

Non cambiano le probabilità, ma plasmano profondamente il mondo interiore del giocatore, fornendo resistenza emotiva in un ambiente progettato per metterla alla prova. In quest'ottica, il valore di questi ciondoli non risiede in un potere mistico, ma nella loro capacità profondamente umana di ancorarci alla nostra storia, alle nostre relazioni e al nostro senso di sé, anche quando la ruota della roulette gira.

Rinforzo culturale e sociale

Sebbene i fattori psicologici forniscano una spiegazione fondamentale della tenacia dei portafortuna nel gioco d'azzardo, queste credenze non esistono nel vuoto. Le tradizioni culturali e le dinamiche sociali giocano un ruolo importante nel perpetuare e rafforzare l'uso dei portafortuna nelle varie società. Nel regno del gioco d'azzardo ad alta posta, i portafortuna rivelano la profonda interazione tra la psiche individuale, le narrazioni della società e il nostro intrinseco apprezzamento umano per i rituali intrisi di risonanza simbolica.

Ritratti mediatici dei portafortuna nel gioco d'azzardo

Nella nostra epoca satura di immagini, in cui le narrazioni plasmano la realtà tanto quanto la riflettono, le rappresentazioni mediatiche dei talismani del gioco d'azzardo esercitano un'enorme influenza. I film, i programmi televisivi e i telegiornali ritraggono costantemente i portafortuna come parte integrante dell'arsenale del giocatore d'azzardo, rafforzando sottilmente il loro potere percepito.

Rusty Ryan a Ocean's 13

Hollywood è stata a lungo affascinata dal lato superstizioso del gioco d'azzardo. In "Ocean's Thirteen" (2007), il personaggio di Brad Pitt, Rusty Ryan, giocherella costantemente con un accendino d'epoca prima delle grandi truffe. Il regista Steven Soderbergh spiega nel commento del DVD: "L'accendino di Rusty è come una coperta di sicurezza. In questa rapina high-tech, ricorda agli spettatori che anche gli operatori più scaltri hanno superstizioni della vecchia scuola". Il film ha incassato oltre 300 milioni di dollari, facendo conoscere a milioni di persone l'idea che i giocatori d'azzardo più scaltri si affidano ai talismani.

La televisione amplifica questo tropo, soprattutto nei programmi sul poker. In "High Stakes Poker" (2006-2011) era famoso il personaggio di Phil Ivey, uno dei grandi del gioco, che strofinava sempre una piccola statua di Buddha prima delle mani decisive. Questa immagine era così iconica che una replica è diventata il merchandising ufficiale dello show.

Anche il giornalismo, con la sua etica basata sui fatti, perpetua la mistica. Un servizio di ESPN del 2019 sulle scommesse sportive, "Charm City", ha tracciato un profilo degli scommettitori di Baltimora che utilizzano talismani a tema Ravens. Questa saturazione mediatica si estende alla pubblicità. La campagna di MGM del 2022 "What's Your Lucky Charm?" mostrava le celebrità con i loro talismani. Queste pubblicità, diffuse sui cartelloni pubblicitari e sui social media, hanno commercializzato i casinò MGM legittimando i talismani portafortuna grazie al potere delle star.

Prova sociale: Vedere altri giocatori di successo utilizzare i talismani

Nelle arene del gioco d'azzardo ad alta posta, dove le fortune si susseguono visibilmente, le azioni dei giocatori di successo sono scrutate e spesso emulate. Quando queste figure usano apertamente i talismani, si ottiene una potente prova sociale, un fenomeno psicologico per cui le persone seguono l'esempio di coetanei rispettati.

Le sale da baccarat ad alto volume di Macao offrono un esempio lampante. Qui, magnati dell'economia e celebrità si cimentano in partite milionarie, spesso utilizzando cimeli di famiglia come talismani. Nel 2018, un miliardario del settore tecnologico ha vinto una mano record da 27 milioni di dollari mentre cullava l'abaco di bronzo di suo nonno. Nel giro di poche settimane, come riporta Bloomberg, le gioiellerie di lusso di Hong Kong hanno registrato un'impennata del 300% nelle vendite di gemelli e ciondoli a tema abaco, soprattutto tra i professionisti della finanza che frequentano i casinò di Macao.

Il fenomeno non è limitato agli ultra-ricchi. Nelle piste di levrieri della Gran Bretagna, dove le scommesse della classe operaia sono una tradizione, il fascino di un cliente abituale è diventato virale. Per decenni, un minatore in pensione ha usato il suo vecchio guanto da lavoro sporco di carbone come talismano. Nel 2020, quando vinse 75.000 sterline su un cane di lungo corso, i giornali locali titolarono "Il guanto magico di Re Carbone". Quell'estate, il negozio di souvenir dell'ippodromo esaurì i "guanti della fortuna del minatore" appositamente realizzati.

gatto nel feng shui

Tradizioni culturali che promuovono la fede nella fortuna

Molte culture hanno ricche tradizioni che intrecciano fortuna, spiritualità e giochi d'azzardo, creando un terreno fertile per i talismani da gioco. Queste credenze radicate spesso trascendono le scelte individuali, rendendo l'uso dei portafortuna un imperativo culturale.

  • In alcune zone della Cina, il concetto di "feng shui" influenza pesantemente le pratiche di gioco. Prima dei tornei più importanti, i professionisti del poker consultano spesso i maestri del feng shui per scegliere i loro portafortuna. Oggetti come tartarughe di giada (longevità) o gatti d'oro (ricchezza) non sono semplici preferenze, ma scelte allineate agli antichi principi geomantici. Al Venetian di Macao, nel 2017, un evento di mahjong ad alta posta ha riorganizzato i tavoli per ottimizzare il "flusso di fortuna", con i giocatori che posizionavano talismani per "incanalare" questa energia.
  • La cultura giapponese del pachinko è intrisa di credenze shintoiste, in cui i kami (spiriti) abitano gli oggetti naturali. I giocatori abituali visitano spesso i santuari per ottenere omamori, sacchetti contenenti benedizioni per esigenze specifiche. Le sale da pachinko di Tokyo hanno delle "classifiche di fascino", che tengono conto di quali omamori dei santuari sono associati al maggior numero di vincite. Durante il Capodanno, quando i santuari li distribuiscono in massa, l'affluenza al pachinko aumenta fino al 40%.
  • A New Orleans, epicentro del Voodoo americano, il gioco d'azzardo e le pratiche spirituali sono strettamente legate. L'annuale "Gris-Gris Gambling Gala" vede i partecipanti sottoporsi a letture da parte di regine Voodoo per determinare i loro portafortuna. Non si tratta di gingilli generici, ma di oggetti altamente personalizzati - ad esempio il medaglione di un amante o la terra della tomba di un antenato - che hanno il potere di sfruttare le energie dei loa (gli spiriti) per il successo nel gioco d'azzardo.
  • Lecomunità dei nativi americani, dove i casinò tribali sono diventati un pilastro economico, spesso fondono le credenze tradizionali con il gioco d'azzardo moderno. Il casinò Twin Arrows della Nazione Navajo incoraggia gli avventori a portare con sé piccole buste di polline di mais, una sostanza fondamentale per molte benedizioni Navajo. I cartelli spiegano come nelle storie tribali le benedizioni della Madre del Mais portassero abbondanza. Durante i pow-wow, gli anziani eseguono cerimonie di "rinnovo della fortuna" in cui i giocatori d'azzardo possono purificare e ricaricare ritualmente i loro talismani.
  • In Italia, l'influenza del cattolicesimo sul gioco d'azzardo è pronunciata, in particolare attraverso i santi patroni. San Cajetan, storicamente invocato per la fortuna, è diventato il custode non ufficiale dei giocatori di poker e d'azzardo italiani.

Queste tradizioni culturali non si limitano a fornire ai giocatori d'azzardo dei gingilli portafortuna, ma intrecciano il gioco d'azzardo nel tessuto stesso dell'identità comunitaria e della vita spirituale. Quando un praticante scintoista mette un sacchetto omamori accanto alla sua macchina da pachinko o un anziano navajo benedice il polline di mais di un cliente del casinò, non stanno solo incoraggiando la superstizione individuale. Stanno compiendo atti che risuonano con secoli di credenze, inserendo i giochi d'azzardo in un quadro molto più ampio, culturalmente sancito, di fortuna e intervento divino.

Questo ricco contesto culturale amplifica il potere psicologico dei talismani del gioco d'azzardo. Non si tratta di semplici oggetti, ma di canali di accesso alla storia, alla comunità e al sacro. Nelle società in cui queste tradizioni sono forti, l'uso di un portafortuna non è una stravagante scelta personale, ma un modo per allinearsi con le forze spirituali e culturali che da tempo si ritiene governino il destino. In questo modo, il rafforzamento culturale non solo normalizza l'uso dei talismani, ma li eleva, trasformando una superstizione privata in un'affermazione comunitaria della natura misteriosa e incontrollabile della fortuna.

Il ruolo del rituale

In fondo, molti rituali del gioco d'azzardo che coinvolgono i portafortuna attingono a un bisogno umano fondamentale: il desiderio di esercitare un controllo sull'incertezza attraverso comportamenti prescritti e atti simbolici. Pur essendo logicamente scollegati dai risultati del gioco, questi rituali svolgono funzioni psicologiche e sociali cruciali.

Molti giocatori d'azzardo ricorrono a rituali intricati come la routine pre-partita di qualsiasi atleta nei momenti di tensione che precedono una partita ad alta posta. Queste sequenze ruotano spesso intorno ai portafortuna, trasformando semplici oggetti in attori di una performance artistica personale.

Pur sembrando superstiziose, queste routine incentrate sui talismani svolgono una funzione psicologica cruciale:

Forniscono una transizione strutturata dalla vita ordinaria all'ambiente del gioco d'azzardo ad alta pressione, favorendo un senso di preparazione e prontezza.

Al di là della semplice preparazione della mente, questi rituali basati sui talismani offrono notevoli benefici psicologici se eseguiti con costanza. Creano un senso di controllo in un ambito incontrollabile, riducono l'ansia e migliorano persino le prestazioni attraverso effetti di profezia autoavverante.

Evento di poker all'MGM Grand

I rituali portafortuna possono migliorare le prestazioni grazie a quella che gli psicologi chiamano "enclothed cognition", ovvero l'idea che indossare o interagire con oggetti simbolicamente significativi migliori effettivamente le abilità rilevanti. Uno studio innovativo condotto presso l'MGM Grand ha testato questo aspetto con i giocatori di poker. Un gruppo ha eseguito la consueta routine di talismani, un altro ha usato oggetti simili senza significato personale e un gruppo di controllo non ha usato nulla.

Secondo il rapporto:

Il gruppo dei talismani ha mostrato un gioco decisamente migliore. Sono stati più pazienti, hanno fatto meno chiamate impulsive e sono stati più bravi a cogliere le indicazioni degli avversari. È simile al modo in cui indossare un camice da medico migliora l'attenzione nei test clinici. Impegnandosi con gli oggetti che associano al "buon gioco", incarnano inconsciamente queste caratteristiche.

Questi benefici si estendono anche al regno digitale. In Corea del Sud, dove le scommesse sugli esports sono molto diffuse, molti scommettitori hanno elaborate postazioni di gioco. Kim Ji-sung, che scommette sulle partite di StarCraft II, dispone i suoi due monitor intorno a una tavola di legno per il gosu.

Nel go, il posizionamento di ogni pietra modifica il flusso dell'intera partita. Prima di accedere al mio conto scommesse, rigioco le famose sequenze di go su questa tavola. Appartiene alla mia famiglia da generazioni. Impegnarmi con essa mi ricorda di vedere ogni puntata non in modo isolato, ma come parte di una strategia più ampia e in divenire.

Queste routine, incentrate su oggetti che hanno un peso personale o culturale, offrono ai giocatori d'azzardo più di un semplice conforto superstizioso. Esse forniscono un quadro psicologico, una fase di preparazione coerente e personalizzata che aiuta a regolare le emozioni, a mantenere la disciplina e persino a stimolare le capacità cognitive. In quest'ottica, liquidare i rituali portafortuna come irrazionali non coglie la loro funzione più profonda. Queste cerimonie, come il riscaldamento pre-spettacolo di un attore o la routine meditativa di un monaco, aiutano i giocatori a passare a uno stato di concentrazione e di resistenza.

Per continuare...

Domande frequenti

🍀 I portafortuna non sono solo una falsa speranza o un pensiero superstizioso?

Se all'apparenza i portafortuna possono sembrare superstizioni irrazionali, in realtà svolgono importanti funzioni emotive e psicologiche per molti giocatori d'azzardo. Lungi dall'essere solo una speranza cieca, i talismani forniscono un ancoraggio emotivo, un collegamento a ricordi positivi e una familiarità confortante in ambienti di gioco altamente stressanti.

🧲 Come può un oggetto inanimato fornire benefici emotivi?

I portafortuna diventano depositari di associazioni, ricordi e relazioni personali. Un giocattolo d'infanzia può evocare nostalgia, mentre un cimelio di famiglia collega qualcuno agli antenati più cari. Attingendo a queste risonanze emotive, gli oggetti ordinari trascendono la loro forma materiale per fornire un fondamento psicologico.

🤑 Affidarsi ai portafortuna non è forse una negazione della realtà del gioco d'azzardo?

Non necessariamente. Anche i giocatori più esperti, che comprendono la probabilità e la casualità, usano spesso dei portafortuna. I talismani non li illudono sulle probabilità, ma forniscono una resistenza emotiva per affrontare i sentimenti turbolenti che il gioco induce.

👌 Esistono studi scientifici sui benefici emotivi dei portafortuna?

Sì, la ricerca in psicologia e neuroscienze sostiene che gli oggetti familiari possono attivare regioni cerebrali che promuovono la calma e il pensiero razionale in situazioni di stress. Possono anche modulare gli estremi emotivi causati dal gioco d'azzardo ad alta posta.

🐱‍🐉 L'uso dei talismani nel gioco d'azzardo è universale o culturalmente specifico?

Le tradizioni culturali e la psicologia individuale contribuiscono al significato emotivo dei portafortuna. Sebbene tutti gli esseri umani condividano bisogni come la familiarità e il controllo, le diverse società conferiscono ai talismani significati simbolici distinti, derivati dai loro sistemi di credenze.

💎 Solo i giocatori dilettanti si affidano ai portafortuna?

No, anche i giocatori professionisti ai massimi livelli usano apertamente portafortuna e rituali con talismani. La rassicurazione emotiva e la disciplina psicologica che queste pratiche forniscono rimangono preziose anche con un'esperienza e un'abilità di gioco avanzate.

Scriva il suo commento
0 caratteri digitati, minimo 50, massimo 2000
Metta la sua valutazione
La tua valutazione
0/10